Le basiliche ad Assisi

Assisi è un paese caratteristico per la presenza di 3 basiliche che hanno tanto in comune da sembrare miracolosamente collegate tra loro pur essendo state costruite in momenti diversi. Esse sono la basilica di San Francesco d’Assisi, la basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola e la basilica di Santa Chiara.

Basilica san Francesco d’Assisi

Costruita nel maggio 1230, la basilica di Sa Francesco risale a meno di 4 anni dalla sua morte. Se osservata da lontano appare come una roccaforte unica ma si compone di due chiese sovrapposte: la Basilica inferiore e quella superiore più una cripta con la tomba del Santo. Nelle due chiese traviamo l’arte di Cimabue, Giotto, i Lorenzetti, Simone Martini.

Nella chiesa superiore si trovano 28 quadri di Giotto che illustrano la vita di San Francesco e altre opere di Cimabue.

Nella Inferiore c’è la Cripta con i resti di San Francesco. Scavata nel muro e circolare come il Santo Sepolcro, l’urna di pietra è custodita dietro a sbarre in griglie di ferro.

La Basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola ad Assisi

A 4 km dal centro di Assisi si trova Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, seconda chiesa di Assisi relazionata a San Francesco.

Il nome si ispira al termine “Portiuncula”, che letteralmente significa piccola porzione di terra su cui sorgeva. La restaurazione di questa chiesetta fu voluta dal Santo che ne fece il centro del Francescanesimo. È qui infatti che San Francesco vede Gesù che gli conferisce l’Indulgenza conosciuta come “Indulgenza della Porziuncola” o “Perdono di Assisi”, approvata poi dal Papa Onorio III

La Basilica contiene anche il Transito, un vano in pietra in cui si trovava l’infermeria del convento, dove San Francesco passò gli ultimi giorni prima di morire la sera del 3 ottobre 1226.

Infine è importantissimo il Roseto con le rose in cui San Francesco si crogiola per combattere contro il dubbio e la tentazione. Secondo il racconto, le piante che toccano il corpo del santo perdono le spine facendo creare la bellissima “Rosa Canina Assisiensis“, che ancora oggi continua a fiorire solo alla Porziuncola.

La Basilica di Santa Chiara ad Assisi

La chiesa di Santa Chiara fu costruita in seguito alla sua morte, proprio nei paraggi dell’antica chiesa di San Giorgio, che sino al 1230 aveva custodito le spoglie di san Francesco.

Le spoglie della santa furono trasferite già nel 1260 ma la consacrazione vera e propria avvenne nel 1265. La Chiesetta è in stile gotico-umbro, dall’ interno fatto di tre navate: dietro l’altare c’è l’Oratorio con il Crocifisso che apparì a San Francesco nell’Eremo di San Damiano e fu il motivo della sua scelta di vita. Dietro una grata ci sono alcune immacolate reliquie della santa e di San Francesco.